Webtrekitalia - Portale di cultura Trek - Anno XV
 
   
 

Premio Italia
WebTrekItalia vince il Premio Italia 2011 nella categoria "Siti Web Amatoriali".
Ricerca


Menu' Principale
· Home
· Archivio Articoli
· Contenuti
· DownLoads
Vecchi Articoli
Monday, 20 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.49/2013
Saturday, 18 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.48/2013
Friday, 17 May
· Il mondo visto come dal ponte dell'Enterprise... n.7/2013
Thursday, 16 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.47/2013
Wednesday, 15 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.46/2013
Tuesday, 14 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.45/2013
Monday, 13 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n. 44/2013
Friday, 10 May
· Infografica n.9/2013 - Razzisti noi? Per carità: sono loro ad essere diversi!
Thursday, 09 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.43/2013
Wednesday, 08 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.42/2013

Articoli Vecchi
Il mondo visto come dal ponte dell'Enterprise... n.4/2013
Cultura e società
"Non spetta a noi dominare tutte le maree del mondo, il nostro compito è [...], di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo." (J.R.R. Tolkien, Il Ritorno del Re)
 
Teoria vuole che attendere passivamente i soccorsi non aumenta le probabilità di sopravvivenza a seguito di un incidente o calamità e che, in un simile scenario, le nostre azioni non devono essere intrapresa all'insegna dell'improvvisazione: in un tale contesto, caratterizzato da repentini e drastici cambiamenti, dobbiamo farci trovare preparati, senza pregiudizi e con una ben precisa "visione" sul futuro...






Sostiene il blogger Luca De Biasi che "Una visione è quasi sempre un insieme di esperienza, interpretazione e valori, che si esprime come una narrazione capace di creare un mondo di senso che non c’è ma potrebbe esserci innovando."
 
Ora, cerchiamo di calare quest'astrazione in uno scenario più concreto quale i primi decenni del ventunesimo secolo, laddove il lemma più diffuso sul pianeta Terra era la parola "Crisi", termine mutuato dal greco antico "Decisione".
 
In questo momento storico, anche la ricca e tecnologicamente avanzata società occidentale inizia a riconscere i sintomi di un cambiamento tanto traumatico quanto epocale.
 
Domandiamoci quindi se la cultura occidentale del tempo era davvero superiore alle altre?
 
Ancora nel XIX secolo, i fondatori dell’antropologia, Lewis Morgan ed Herbert Spencer vedevano le società umane come stadi successivi di un processo lineare di evoluzione sociale: dai selvaggi, ai barbari agli uomini civilizzati: era l'idea (non aliena del pensiero di Carlo Marx) di una sorta di processo ciclico, inevitabile per quanto ciclico.
 
Nel secolo successivo la genetica, dimostrando come non esiste una gerarchia delle razze o delle civiltà, ha ribaltato tale visione (non priva di connotazioni razziste): dopotutto gli indios dell’Amazzonia o gli aborigeni australiani non sono più “primitivi” di un biondo abitante della mittel-Europa.
 
Il tentativo di riconoscere come significative (e, tutto sommato, integrate nel loro contesto ambientale) le diverse espressioni della cultura umana, è tuttavia vanificato da tutta una serie di (eccessive) contraddizioni sociali, politiche, economiche ed ecologiche a livello planetario.
 
Il primo sintomo evidente della globalizzazione si è avuto, drammaticamente, nella scala mondiale dei conflitti bellici, estendendosi però anche ai mercati e alla cultura, in un processo tanto lento quanto inevitabile.
 
Così quello che accade nel XXI secolo, in un punto qualunque del pianeta, e' fortemente influenzato da quanto avviene in molti altri punti del sistema, a volte anche in tutti gli altri punti.
 
Ecco dunque che il significato della parola "Crisi" viene ad assumere un significato diverso e collegato ai concetti di "caos" e "interdipendenza": un sistema unito in tutti i suoi punti da una sorta di ragnatela (dove le maglie si sostengono e dipendono le une dalle altre) dove il cambiamento si propaga (appunto) i-ne-so-ra-bil-men-te.
 
In un simile modello, la natura quanto l'energia, il traffico nelle metropoli quanto il volo degli degli uccelli migratori, i flussi finanzaria quanto gli uragani, tutto diventa rete all'interno di una sovra-rete "universale".
 
Immaginate una perturbazione che si trova a percorrere tutti gli archi di tale struttura (non vi ricorda il problema dei ponti di Konigsberg di kantiana memoria?) e che genera al suo passaggio instabilità nei nodi.
 
E’ noto che l'impossibilità previsionale (che a sua volta impedisce di identificare "decisioni" puntuali) genera lo stesso stress nell'individuo - che si accorge di non controllare alcun aspetto del processo cui è testimone - di una persona coinvolta in una calamità,; per tale ragione le nuove generazioni del XXI secolo dovranno imparare a progettare il loro futuro in funzione di questa visione: essere addestrate al cambiamento, anzi, venirgli incontro con azioni razionali, ne più, ne meno di un'escursionista che si è perduto tra i percorsi di una montagna - i pendii resi instabili a causa del riscaldamento globale - che però sa come agire (e si è attrezzato appositamente) senza panico nell'attesa del soccorso alpino.

Postato Friday 12 April 2013 da kalt
 
Links Correlati
· Inoltre Cultura e società
· News by kalt


Articolo più letto relativo a Cultura e società:
La rivoluzione Pietroneriana - di R.Vacca

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Argomenti Correlati

Cultura e società

Tutti i logo e i marchi di questo sono proprietà dei rispettivi detentori. Star Trek® è un marchio registrato dalla Paramount Pictures Corporation. Tutte le immagini relative a Star Trek sono © Paramount Pictures.
Sito amatoriale senza fini di lucro. Gli sponsor fungono esclusivamente da sostegno alle iniziative da noi proposte.
I commenti e le opinioni postate dagli utenti sono di loro esclusiva proprietà e possono non riflettere la policy di questo sito. Sono quindi da ritenersi ad esclusiva responsabilità dei rispettivi utenti.
Tutto il resto è © 2001-2013 by WTI
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.07 Secondi

| DAJ_Glass phpbb2 style by Dustin Baccetti | PHP-Nuke theme by www.nukemods.com | WTI theme adapted by Fanky|