Webtrekitalia - Portale di cultura Trek - Anno XV
 
   
 

Premio Italia
WebTrekItalia vince il Premio Italia 2011 nella categoria "Siti Web Amatoriali".
Ricerca


Menu' Principale
· Home
· Archivio Articoli
· Contenuti
· DownLoads
Vecchi Articoli
Monday, 20 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.49/2013
Saturday, 18 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.48/2013
Friday, 17 May
· Il mondo visto come dal ponte dell'Enterprise... n.7/2013
Thursday, 16 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.47/2013
Wednesday, 15 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.46/2013
Tuesday, 14 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.45/2013
Monday, 13 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n. 44/2013
Friday, 10 May
· Infografica n.9/2013 - Razzisti noi? Per carità: sono loro ad essere diversi!
Thursday, 09 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.43/2013
Wednesday, 08 May
· Dire rassegna stampa sarebbe troppo... n.42/2013

Articoli Vecchi
Il mondo come visto dal ponte dell'Enterprise... n.5/2013
Cultura e società
"Ogni gruppo dominante considera la sua violenza come parte dell’ordine naturale delle cose." (Amira Hass)

Nella tassonomia che attiene al genere umano rientrano, prepotentemente, i beni e servizi comuni, importanti sia strategicamente (come l’acqua, l’energia o, più in generale, le risorse naturali) che per valenza sociale (come la sanità, l'educazione e tutto ciò che rientra nella sfera del welfare-state). Oggi siamo consapevoli che, oltre ad attirare il pensiero di sociologi e filosofi, tali elementi hanno da sempre richiamato interessi di tipo politioco ed economico, ma il problema da risolvere, quello della ricerca di un equilibrio tra pubblico e privato, è la loro corretta gestione oltre ad una accessibilità garantita per tutti...





Partiamo con un esempio pratico: dice Seth Godin, nelle ultime righe di un suo recente manifesto sul sistema scolastico: "Il miglior modo di lamentarsi è fare qualcosa."
 
Ora, stiamo parlando di un famoso innovatore ed esperto di marketing, che crede in una nuova società (successiva al periodo da lui definito “televisivo-industriale”) dove sono le idee (il termine usato è "IdeaVirus") che devono guadagnarsi l'attenzione per la loro qualità e non per il fatto di essere urlate o falsamente suadenti.

Nel suo documento salta agli occhi la visione evolutiva di una scuola, che oggi riscopriamo statica nei programmi e votata al mantenimento di uno status quo socio-culturale, quando invece dovrebbe ricercare ben altre forme di insegnamento al fine di trovare risposte alle sfide che il presente e (soprattutto) il futuro lanciano alle nuove generazioni.

Ma la creatività, la passione e la curiosità qui ricercate, possono far parte di una corretta gestione dei beni pubblici?

Dalla normativa discende che non ogni cosa è un bene (oggetto di diritto) in senso giuridico, sia perché vi sono cose che non possono essere beni, e cioè quelle che gli antichi chiamavano res communes omnium (ad esempio l’aria) rispetto alle quali è profondamente errato costituire un rapporto giuridico, sia perché vi sono beni che sono costituiti da entità non materiali.

Sappiamo altresì che per bene o servizio comune si intende tutto ciò che non è proprietà di nessuno, ma viene condiviso quale ricchezza sociale che a sua volta deriva dalla solidarietà umana, non intendendo quindi le sole componenti naturali di un ecosistema o le risorse territoriali di una nazione, ma anche il patrimonio artistico, storico, scientifico e, in definitiva, tutte le forme della conoscenza.

Così, in un tempo storico caratterizzato da evidenti difficoltà planetarie a livello ambientale e dal manifestarsi di gravi conseguenze economiche dovute a una globalizzazione incontrollata, nuvole foriere di tempesta gravano sul bene pubblico: si va dal degrado e dall’impoverimento del servizio offerto allo spreco vero e proprio, dall’abuso e dal furto indiscriminato alla mancanza di attenzione e cura di ciò che non attiene alla sfera privata.

Il venir meno del bene comune inteso come presupposto della convivenza, potrebbe essere direttamente collegato con il pericolo per la civiltà stessa, laddove idee come la "res publica" romana o il “pascolo comune” delle città nel medioevo europeo sono sempre stati tra gli elementi chiave che hanno contribuito al progresso pacifico e al benessere della società umana.
 
La cultura (nell'esempio che abbiamo esaminato quella "scolastica") è, in tale ottica, un bene-servizio irrinunciabile anche se, sul pianeta Terra nei primi anni del XXI secolo, se ne stava perdendo la consapevolezza, sfiorando quel "limite" così pericolosamente correlato con l'espressione teatrale di "farsa che finì in tragedia".




Postato Thursday 18 April 2013 da kalt
 
Links Correlati
· Inoltre Cultura e società
· News by kalt


Articolo più letto relativo a Cultura e società:
La rivoluzione Pietroneriana - di R.Vacca

Valutazione Articolo
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

Argomenti Correlati

Cultura e società

Tutti i logo e i marchi di questo sono proprietà dei rispettivi detentori. Star Trek® è un marchio registrato dalla Paramount Pictures Corporation. Tutte le immagini relative a Star Trek sono © Paramount Pictures.
Sito amatoriale senza fini di lucro. Gli sponsor fungono esclusivamente da sostegno alle iniziative da noi proposte.
I commenti e le opinioni postate dagli utenti sono di loro esclusiva proprietà e possono non riflettere la policy di questo sito. Sono quindi da ritenersi ad esclusiva responsabilità dei rispettivi utenti.
Tutto il resto è © 2001-2013 by WTI
PHP-Nuke Copyright © 2005 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.09 Secondi

| DAJ_Glass phpbb2 style by Dustin Baccetti | PHP-Nuke theme by www.nukemods.com | WTI theme adapted by Fanky|