Gears of war ovvero: “Va bene, passiamo al piano B. Hai un piano B?”
Data: Wednesday 26 August 2009
Argomento: Giochi



 - Dom, Fenix, cercate una via d'accesso.
- E gli Alpha?
- Li salviamo. Se possiamo…

Alla maniera di WebTrek Italia, spesso abbiamo affrontato il tema dei videogiochi da Halo a Elite Force  passando per Doom e raccontato le diverse commistioni con il mondo del cinema, della letteratura e con quello dei giochi da tavolo. Oggi vi presentiamo “Gears of war”, un classico del genere, sicuramente destinato al successo.

Volete saperne di più?





- Marcus, bentornato nell'esercito!
- Merda...!

La prima versione del videogioco “sparatutto” Gears of War, ideato da Cliff Blezinski per la casa Epic Games e prodotto da Microsoft Game Studios, è uscita nel novembre del 2006 negli Stati Uniti (e qualche mese dopo anche in Italia).
Racconta di un cupo futuro belligerante e di un pianeta, “Sera”, devastato da orde di mostri e tutto lo sviluppo narrativo si incentra sui soldati della Squadra Delta che combattono per salvare la popolazione civile da un nemico implacabile sotterraneo chiamato le Locuste.
Sin dal suo lancio sul mercato è un successo e viene nominato “gioco dell’anno” da GameSpot.
Curatissimo - la “Limited Collector's Edition”, conteneva persino un art book intitolato “Bellezza distrutta” - la colonna sonora è una cover della canzone “Mad World” dei Tears for fears.
Ecco il link al trailer ufficiale.

- Avremo supporto aereo?
- Cosa? State scherzando? Siete voi il supporto, figliolo!

Gears of War è il gioco antagonista di Halo; l’alter ego del giocatore è il personaggio di Marcus Fenix, un ex detenuto e un soldato dedito alla guerra.
Il gioco, prodotto per diverse piattaforme (Xbox 360, Mac OS X e Microsoft Windows) ha più modalità: Single player, Online Multiplayer, e Modalità Cooperativa.
Nella modalità cooperativa, il secondo giocatore gioca nel ruolo dell'amico di Fenix, anch’egli soldato, Dominic Santiago; i due soldati si uniscono alla Squadra Delta e si battono contro l'Orda Delle Locuste.
La visualizzazione è in “terza persona” e utilizza il motore grafico Unreal 3.0  che rende accattivante e realistico sia il movimento dei protagonisti che la visualizzazione degli ambienti dove si trovano a combattere.
Per più approfonditi dettagli vi rimandiamo al sito ufficiale del gioco.



- Il comando le ha provate tutte ma niente, se le locuste vogliono emergere, emergono.
- Da bambino avevo degli incubi simili.
- Io ce li ho ancora.

Circa due anni dopo l’uscita del primo episodio del videogioco è arrivato sul mercato il suo seguito “Gears of War 2” e una serie a fumetti ha fatto da collegamento tra i due capitoli della saga.
Scritta da Joshua Ortega e disegnata da Liam Sharp, la versione “fumettara” è ambientata 14 anni dopo l'Emergence day, e due mesi dopo l’esplosione della bomba “lightmass” a Timgad.
Come sempre al centro dell’azione è la squadra Delta, inviata ad esplorare una città abbandonata alla ricerca di sopravvissuti.  In Italia viene pubblicata dal luglio 2009 da PaniniComics.




- Tu sei quel Marcus Fenix, quello che ha combattuto ad Asphyo fields? Wow, fico!
- Mica tanto.

Voci di corridoio danno per il 2010 l’uscita del terzo episodio della saga, ma la casa editrice statunitense Fantasy Flight Games [http://www.fantasyflightgames.com] ha già acquisito i diritti per realizzare il gioco da tavolo la cui uscita è prevista per la fine del 2009.
Si tratta della stessa casa che ha realizzato l’ottimo boardgame di Doom e girando per la rete è stato possibile scoprire alcuni dettagli dei primissimi “playtest”.

In conclusione, un prodotto adulto (e ovviamente sconsigliato ai minori, visti i contenuti "sanguinari"), forse non particolarmente innovativo dal punto di vista della trama narrativa (dopotutto questo è pur sempre uno sparatutto e la trama potrebbe essere solo il pretesto per macellare mostri e alieni), ma certamente ricco e curatissimo.
Opinione comune dei giocatori accaniti è che si tratta di un videogioco che è possibile rigiocare più volte da capo e , sicuramente, tra seguiti, fumetti e gioco da tavoli, gli appassionati di Marcus  Fenix non correranno il rischio di annoiarsi.









Questo Articolo proviene da WebTrekItalia ©
http://old.webtrekitalia.it

L'URL per questa storia è:
http://old.webtrekitalia.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1429